Morte Fabrizio Frizzi: il saluto sui social degli amici, tutti i messaggi

La morte di Fabrizio Frizzi ha sconvolto il mondo della televisione. Ecco i messaggi di cordoglio di alcuni personaggi dello spettacolo.

ricordo-fabrizio-frizzi-morto-messaggi-social

Sono tantissimi gli amici e colleghi di Fabrizio Frizzi che si sono stretti in un lungo abbraccio virtuale dopo la sua scomparsa. Fabrizio Frizzi è morto a 60 anni il 26 aprile 2018 per una emorragia cerebrale, una conseguenza, forse, dell’ischemia che lo aveva già colpito ad ottobre. Non una malattia quindi quella di Fabrizio Frizzi, ma una patologia inaspettata che lo ha strappato all’affetto di Carlotta, la moglie, e della figlia Stella, veramente troppo presto. Sui social già nelle prime ore dopo la sua scomparsa è partito un tam tam di messaggi di cordoglio, post su Facebook, cinguettii su Twitter e foto su Instagram. Ovviamente non è mancata anche la polemica per tutti questi “amici improvvisati” che secondo alcuni quando Fabrizio Frizzi era ancora in vita non gli stavano accanto, ma addirittura lo angosciavano. Vediamo allora insieme un po’ di questi messaggi di addio a Fabrizio Frizzi su Instagram (spesso copiati poi anche sugli altri social).

Addio a Fabrizio Frizzi, i messaggi sui social

Luca Abete, di Striscia la Notizia ha scritto: “Ero felice di incontrarti per la prima volta e di ricevere un premio dalle tue mani e ricambiai con una delle mie pigne in pegno. Eri un esempio di italiano gentile. Proverò a non dimenticare quello che ci hai insegnato. Ciao Fabrizio. Grazie”.

 

Mara Venier, grande amica di Fabrizio Frizzi ha lasciato ai social poche parole: Ciao Fabrizio….rimarrai sempre nel mio cuore…..tanta tristezza.

 

Ciao Fabrizio….rimarrai sempre nel mio cuore…..tanta tristezza 🌹🌹🌹

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier) in data:

Anche Carlo Conti, amico storico di Fabrizio Frizzi, dopo la sua scomparsa lo ha ricordato con una bella foto e un Riposa in Pace.

 

Ciao Fabrizio….rimarrai sempre nel mio cuore…..tanta tristezza 🌹🌹🌹

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier) in data:


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑