Cyber-droghe legate alla musica. Scatta l’allarme nel mondo

teenage girl in headphones listens to music with closed eyes

Thinkstock

Ogni anno, con cadenza più o meno diversa, torna in auge il fenomeno della musica come droga. Nello specifico si parla della musica di i-doser.

Non stiamo parlando di droghe da assumere, ma solo di musica che sembra provocare sensazioni paragonabili a una sostanza stupefacente. Il concetto alla base, come si legge su Focus, è l’ascolto dei “battiti binaurali” ossia suoni con frequenze audio tra i 3 ei 30 hertz che non sono percepite dall’udito, ma vengono captate dal cervello innescando così delle  reazioni cerebrali simili alla droga.

L’uso di queste onde sonore è abbastanza comune all’estero dove le forze di polizia le utilizzano come deterrenti per calmare i ragazzi.

Scatta così l’allarme su queste cyber droghe e la Guardia di Finanza controlla attentamente questo mercato che attira dapprima con dei file gratuiti da scaricare e poi chiede il pagamento facendo scattare così il rischio di incappare in frodi virtuali. Sui rischi per la salute per ora non pare ci siano evidenze


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑