Collisioni 2015. Paolo Nutini canta alla luna di Barolo tra groove e sensualità

nutini

Una camicia a scacchi aperta sul petto, jeans stretto e un fascino incontenibile. E’ salito così sul palco di Collisioni 2015 Paolo Nutini che, con la sua band, ha animato una piazza gremita di gente che hanno dondolato, saltellato e cantato le sue canzoni nonostante un caldo torrido spossante.

Ad aprire il concerto Passenger, un po’ “abbandonato” dall’organizzazione che non ha trasmesso la sua immagine sui maxi-schermi per permettere a tutti di vederlo. “Cantate con me anche se non sapete le parole Barolo” urlava Passenger e il pubblico non si è trattenuto rendendo anche questa prima parte del concerto degna di nota.

Poi sul palco è salito lui, il cantautore scozzese classe 1987, con origini tutte toscane e ha incantato tutti i presenti. Groove caldo, sensuale e un modo di cantare quasi aggrappato al microfono come se fosse la sua ancora di salvataggio in mezzo a una tempesta. Nutini ha fatto tutti i suoi pezzi più famosi, finendo anche con “Guarda che luna”, con il suo italiano un po’ sbagliato che, nonostante tutto, ha mandato in delirio la piazza.


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑