Emmy Awards 2015: la musica la fa da padrona e come miglior talent vince…

LOS ANGELES, CA - SEPTEMBER 20: Actor Tony Hale, winner of Outstanding Supporting Actor in a Comedy Series for 'Veep', poses in the press room at the 67th Annual Primetime Emmy Awards at Microsoft Theater on September 20, 2015 in Los Angeles, California.(Photo by Kevork Djansezian/Getty Images)

Getty Images

Sono stati consegnati i premi Emmy Awards 2015 per le serie tv e ha sbancato tutto Game Of Thrones con 12 statuette. Si è difesa molto bene anche la mini serie “Olive Kitterdige” che ha praticamente vinto tutti i premi di categoria. Non manca però la musica che si fa largo e a vincere il premio come miglior talent è “The Voice”.

Miglior serie drammatica: Il Trono di Spade (Game of Thrones)
Miglior serie comicaVeep – Vicepresidente incompetente (Veep)
Miglior attrice protagonista in una serie drammatica: Viola Davis in Le regole del delitto perfetto (How to Get Away with Murder)
Miglior attore protagonista in una serie drammatica: Jon Hamm in Mad Men
Miglior attrice protagonista in una serie comica: Julia Louis-Dreyfus in Veep – Vicepresidente incompetente
Miglior attore protagonista in una serie comica: Jeffrey Tambor in Transparent
Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica: Uzo Aduba in Orange Is the New Black
Miglior attore non protagonista in una serie drammatica: Peter Dinklagene Il Trono di Spade (Game of Thrones)
Miglior attrice non protagonista in una serie commedia: Allison Janney in Mom
Miglior attore non protagonista in una serie commedia: Tony Hale in Veep – Vicepresidente incompetente
Miglior regia per una serie drammatica: David Nutter, per l’episodio Madre misericordiosa de Il Trono di Spade (Game of Thrones)
Miglior regia per una serie comica: Jill Soloway, per l’episodio Gita autunnale di Transparent
Miglior sceneggiatura per una serie drammatica: David Benioff e D.B. Weiss, per l’episodio Madre misericordiosa de Il Trono di Spade (Game of Thrones)
Miglior sceneggiatura per una serie comica: Simon Blackwell, Armando Iannucci e Tony Roche, per l’episodio Election Night di Veep – Vicepresidente incompetente

Miglior miniserieOlive Kitteridge
Miglior attrice protagonista in una miniserie o film: Frances McDormand in Olive Kitteridge
Miglior attore protagonista in una miniserie o film: Richard Jenkins in Olive Kitteridge
Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film: Regina King in American Crime
Miglior attore non protagonista in una miniserie o film: Bill Murray in Olive Kitteridge
Miglior regia per un film, miniserie o speciale drammatico: Lisa Cholodenko in Olive Kitteridge
Miglior sceneggiatura per un film, miniserie o speciale drammatico: Jane Anderson per Olive Kitteridge

Miglior talent show: The Voice
Miglior varietà talk show: The Daily Show with Jon Stewart, trasmesso da Comedy Central
Miglior varietà di sketch: Inside Amy Schumer
Miglior regia per un varietà: Chuck O’Neil, per la puntata 20×103 di The Daily Show with Jon Stewart
Miglior sceneggiatura per un varietà: Autori di The Daily Show with Jon Stewart

Tags:


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑