Michael Jackson. Prima di morire non aveva dormito per 60 giorni

AUCKLAND, NEW ZEALAND - NOVEMBER 10:  Michael Jackson performs on stage during is "HIStory" world tour concert at Ericsson Stadium November 10, 1996 in Auckland, New Zealand. (Photo by Phil Walter/Getty Images)

Getty Images

Il Re del Pop, Michael Jackson ci ha lasciato il 25 giugno del 2009 per un’overdose di un potente anestetico, il Propofol, ma anche senza questa dose letale sarebbe morto comunque. Secondo il medico scelto come perito nel processo intentato dalla famiglia Jackson al promoter, Michael infatti non dormiva da sessanta giorni.

Un record per un essere umano, un traguardo orribile. Michael riusciva a chiudere gli occhi e assopirsi, ma non raggiungeva mai la fase rem, quella di sonno profondo e rigenerante necessaria all’essere umano per ridare vigore alle cellule e all’organismo.

L’utilizzo del Propofol sarebbe stato quindi congeniale per provocare una sorta di coma indotto in cui avrebbe potuto finalmente dormire, ma la dose gli è stata fatale.

GUARDA L’ULTIMA ESIBIZIONE PRIMA DELLA MORTE

LA VILLA DI MICHAEL JACKSON IN VENDITA A UNA CIFRA PAZZESCA


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑